• Home
  • Emanuela Chiappe

Convegno Nazionale “I TRANSGENDER NELLO SPORT: tra mito e realtà”

Sabato 19 ottobre 2019 – ore 9,00 - Sala Magenes-Collegio Universitario  Pavia PV

Il contributo Panathlon ai World Fair Play Awards

 

C’era molto Panathlon nella giornata che ha visto la consegna dei World Fair Play Awards nell’aula consigliare del municipio di Pest. La capitale magiara ha accolto gli ospiti del Comité International pour le Fair Play (CIFP) con un programma denso di momenti significativi. 

Mattinata dedicata a un convegno nell’auditorium dell’Università di Educazione Fisica promosso da European Fair Play Movement (EFPM) che ha voluto così celebrare i suoi 25 anni di vita. Fra gli interventi più significativi, quello di Zsigmond Nagy che ha illustrato le prospettive generate dalle relazioni fra Fair Play, Morale e Legislazione sportiva.

La cerimonia di consegna dei premi – vedi l’elenco completo riportato – ha avuto fra i protagonisti molti dei nomi segnalati dal Panathlon International in quanto membro del CIFP.

Fabio Caramel ha ritirato dalle mani del Presidente Jeno Kamuti il Trofeo Pierre de Coubertin per il Gesto La proposta era venuta dal Panathlon Club Venezia. 

David Smetanine, Trofeo alla Carriera, era assente perché impegnato in competizioni paralimpiche. Per lui ha ritirato il premio Marie Claire Nepi segretaria del Club di Grenoble che lo aveva segnalato. Il club francese ha visto riconosciuta anche la sua segnalazione per Geo Perli, a cui è andato il Diploma d’Onore per la Carriera nello spirito del fair-play.

Un Diploma d’Onore per la Carriera lo ha ricevuto anche Roberto Camelia, proposto dall’Area 9 – Sicilia, accompagnato da panathleti siciliani di Siracusa che gli hanno fatto gran festa.

Federico Bollati e Rodolfo Carrera, entrambi candidati dal Club di Pavia, hanno ricevuto il Diploma d’Onore per il Gesto dalle mani del vice-presidente CIFP Maurizio Monego.

Per la Promozione ha ricevuto un Diploma d’Onore il CEO della Lega di Pallavolo di serie A, Massimo Righi che era stato proposto dal Club Bononia.

La soddisfazione per il bottino del Panathlon si leggeva nell’azzurro degli occhi di Simona Callo, Segretario Generale del P.I. in rappresentanza del Presidente Pierre Zappelli. È stata una bella festa e la sfilata di tanti campioni che con i loro valori testimoniano l’umanità dello sport, ha gratificato i sentimenti che ogni buon sportivo coltiva.

    

   

 

 

 

 

Il Panathlon Club Alta Valdelsa ha festeggiato sabato 5 Maggio al PalaFrancioli di Colle Val d’Elsa i dieci anni della propria attività, con una bellissima serata dedicata al Baskin e che ha visto come ospiti i giovani Campioni Regionali ed Europei del Baskin Costone Siena. Una grande partecipazione da parte della cittadinanza, che ha assistito all'esibizione dei ragazzi del Baskin che si sono affrontati sul campo dando prova delle loro grandissime abilità. Una serata molto divertente, e soprattutto istruttiva, durante la quale sono intervenuti anche diversi rappresentanti elle istituzioni. A rappresentare il Panathlon International c'erano infatti il Vice Presidente del Distretto Italia dott. Leno Chisci ed il Governatore dell'Area IV Toscana Orietta Maggi, a cui si sono aggiunti anche il Delegato Provinciale del CONI di Siena avv. Paolo Ridolfi (impegnato anche come giocatore di Baskin) e Marco Carraretto, ex giocatore della Montepaschi Mens Sana, socio del club, che nell'occasione era in rappresentanza dello sponsor Banca Widiba di cui è consulente da alcuni anni. 

Hanno partecipato alla serata (ed alla fine si sono anche esibiti sul campo), alcuni ragazzi dell'Anfass di Poggibonsi, in attesa magari che attraverso la sensibilizzazione delle istituzioni locali, possa nascere una società di Baskin anche in Valdelsa. Nell'attesa, chiunque volesse provare il Baskin o semplicemente anche vedere dal vivo una partita, può farlo il sabato pomeriggio al Palasport del Costone, dove si esibiscono settimanalmente i...Campioni d'Europa!" 

 

 

In memoria di Bruno Grandi

Quando un amico ci lascia riemergono i ricordi. Bruno Grandi è stato per noi “il Professore”:in qualità di insegnante di educazione fisica ha forgiato ginnasti come Montesi,Fabbroni,  Malignacci, Gilli,   Marchetti,  Santoro,  Milanetto,  Zucca, Giantomassi, Lampronti, fino a  Vailati,  Pallotti,  Luppino, Luigi Coppa. Atleti che hanno preso il testimone della storia della ginnastica italiana dopo  la generazione di Menichelli.

Bruno come presidente della Federazione Ginnastica e della Federazione Internazionale è stato il dirigente che ha dato un enorme contributo allo sviluppo della disciplina, trasformando il sistema consolidato che limitava a poche nazioni gli allori delle gare. Con la sua riforma, nazioni nuove hanno potuto godere di risultati che mai erano stati possibili. Ci sono voluti molti anni ma alla fine con ferrea tenacia, il professore ha introdotto un nuovo, rivoluzionario regolamento nell’assegnazione dei punteggi, determinando così una più equa distribuzione dei meriti.

Nel campo della ginnastica e più in generale dello sport ha mantenuto costantemente alto il concetto dell’onestà, indicando a tutti che i valori educativi hanno una valenza unica. E che ai giovani atleti deve essere garantita la crescita sportiva in base all’età e allo sviluppo fisico, secondo i criteri della biomeccanica e della psicologia. Bruno è stato inoltre grande divulgatore dell’opera di Girolamo Mercuriale, il  medico forlivese che per primo ha proposto il legame tra educazione fisica e  medicina.

Membro del CIO, è stato a contatto negli anni con capi di Stato e organizzazioni sportive di tutto il mondo, partecipando in ruoli diversi a tutte le Olimpiadi, da Roma 1960 a oggi.                                     Ci ha lasciati col rammarico che il Museo della Ginnastica da lui tanto auspicato nella sua Forlì,        è ancora oggi una confusa nebulosa, nonostante gli impegni e i finanziamenti arrivati! Peccato! Avrebbe dovuto essere, diceva, da esempio e stimolo per le giovani generazioni: quello che finora è stato realizzato è solo una minima parte di ciò che il Professore avrebbe voluto. 

Inutile aggiungere che gli eccelsi risultati da lui raggiunti, sono stati possibili grazie all’acuta intelligenza e all’apertura culturale che spaziava in tutti i campi. Ma soprattutto, amava ripetere, la sua lunga carriera professionale è stata possibile grazie alla moglie Franca, la donna meravigliosa che ha “guidato” la famiglia nei suoi lunghi periodi di assenza, quando “svolazzava” per i quattro continenti.  

Bruno è stato un dirigente umile e generoso. Ha lavorato per gli altri da vero leader. E per questo il Panathlon, di cui era socio, lo piange come amico. 

di Ivan Balelli

Panathlon Club Forlì

 

Distrito Brasil - I° Congresso Científico e cultural do Panathlon Brasil

A Abertura do Congresso Científico e Cultural do Panathlon Brasil aconteceu nessa quinta feira no anfiteatro da Faculdades Integradas de Jau, com montagem da mesa principal com as seguintes autoridades: presidentes dos clubes Panathlon: de Jaú, Renan Turini, do Distrito Brasil, Pedro Roberto Pereira de Souza, de Taubaté, Wiliam Saad Abdulnur, de Taquaritinga, Nilo Prata, de Praia Grande, Waldecir Paula Lima, do membro da Comissão Científica e Cultural do Panathlon Internacional, Antonio Carlos Bramante,; diretor financeiro do Distrito Brasil, Ademir de Barros, o Paraná, do Secretário de Esportes de Jaú, Celso Vequi, vereadores Agentil Cato, Toninho Maçom, José Carlos Borgo e José Fernando Barbiere; e da Secretária de Educação, Daltira Maria de Castro.

Após o pronunciamento do anfitrião, Renan Turini, dando boas vindas a todos e declarando aberto o congresso, na sequencia Pedro Souza falou do Panathlon no Brasil e no mundo, princípios e filosofia, As demais autoridades também fizeram pronunciamento.

Finalizando a primeira parte do cerimonial foi realizada pelo Prof. Eduardo Verdiano uma intervenção recreativa com todos participantes e na sequência a palestra de abertura com Eduardo Buttar Scofano, do Instituto Península, que falou da "Ética como base das ações transformadoras: dos jogos e esporte para a vida".

Na sequência houve o lançamento de 4 livros, do panathleta Prof. Dr. Ademir Testa Junior, com o livro "Educação Física Escolar: Metodologia baseada na resolução de problemas e a saúde"; dos professores Caio Cesar Gabriel Vieira, Cleso Mendes Júnior e Marcel Lopes "Os Primeiros Habitantes de Jaú"; do Prof Francine Matos, "Bentinho, o que você tem?"; dos professores Ademir Testa Junior, Renan Floret Junior e Rafael Sampaio Morais, "Filosofia Cotidiana Reflexões para a vida".

Encerrando a programação da noite com as apresentações simultâneas de 25 trabalhos de TCC em 5 salas, coordenada pelo Prof. Dr. Ademir Testa Junior.

O evento é uma realização do Panathlon Club Jaú em parceria com o Panathlon Internacional Distrito Brasil e apoio da: Faculdades Integradas de Jaú, Prefeitura Municipal de Jaú, através da Secretaria de Esportes, Cultura e Educação, Conselho Regional de Educação Física do Estado de São Paulo, Circênico Artes Integradas, Lapa Escola de Dança, Pliê Company, Associação Brasileira de Recreadores e Supermercado Jaú Serve.

Na oportunidade está sendo divulgado o Jogo Limpo/Fair Play, parceria da Autoridade Brasileira de Controle ao Doping da Secretaria Federal do Esporte com o Panathlon Internacional Distrito Brasil, Conselho Regional de Educação Física do Estado de São Paulo (CREF4/SP) e a Federação Internacional de Educação Física - Regional de São Paulo (FIEP SP).

video

 

  

 

Organisées par le Panathlon Wallonie-Bruxelles, les Journées du Fair-Play se déroulent du 7 au 16 septembre. Samedi dernier, plusieurs arbitres de sports différents étaient réunis devant Manneken Pis. Et le rugby était particulièrement bien représenté !

lire les nouvelles

Il XIV convegno sportivo quest' anno parlerà di vela in ricordo della tremenda alluvione che ha colpito il Tigullio il 29 ottobre 2018, infatti in quella occasione molte realtà sportive legate al mare, hanno subito gravi danni.

Durante il convegno , che inizierà alle ore 18.00 presso il Circolo Golf e Tennis di Rapallo, oltre la consegna del VI premio FAIR PLAY da parte del Panathlon, verrà consegnato per il terzo anno consecutivo il riconoscimento “ IL PIACERE DI AIUTARE “ e verrà dato ai Comandanti: Capitano Simone Clemente, Comandante Compagnia C.C. Santa Margherita Ligure, Comandante Vincenzo Orlando Capitaneria di Porto di Rapallo, Comandante Stefano Gentile Comando VVFF di Rapallo, per essere stati, nella notte del 28 ottobre 2018, nel Porto Carlo Riva di Rapallo, artefici del salvataggio di persone e mezzi.

Il Panathlon International ha appreso della triste notizia della scomparsa del prof Bruno Grandi, socio del Panathlon Club Forli, insignito nel 2004 del Premio Flambeau d'Or per la cultura, già Presidente onorario della Federazione internazionale ginnastica.

Un dirigente sportivo che ha segnato profondamente l'evoluzione delle discipline ginniche e autorevole protagonista nel mondo sportivo nazionale e olimpico.

 

 

Panathlon International

Fondazione D.Chiesa