• Home
  • Emanuela Chiappe

Il Segretario Mondiale della Federazione Internazionale di Educazione Fisica  (rieletto il marzo scorso) e socio del Panathlon Club Buenos Aires, l'argentino Rodolfo Buenaventura, ha consegnato un certificato d'onore ed una medaglia da parte della FIEP al Preside della Scuola di Psicologia, Educazione e Scienze dello Sport (FPCEE) Blanquerna-URL, Josep Gallifa, al Direttore della Scuola di Laurea in Scienze dello Sport, Jaume Bantulà e al Vice- Presidente del FIEP e FPCEE Blanquerna-URL il relatore, Enric M. Sebastiani per il loro contributo allo sviluppo dell’ educazione fisica. Il FIEP è stato fondato a Bruxelles nel 1923 ed ha una presenza in oltre 150 paesi. È stato riconosciuto dall'UNESCO e dal Comitato Internazionale Olimpico.

 

Due iniziative di grande spessore hanno visto nelle scorse settimane il Panathlon di Reggio Calabria a fianco delle istituzioni sportive. La prima ha riguardato la cerimonia con la quale il CONI ha voluto ricordare, a venti anni esatti dalla morte, la figura e l'opera di un grande dirigente del sud come Oreste Granillo; la seconda ha interessato la giornata nazionale dello sport, con protagonisti circa mille ragazzi che, per una domenica intera, hanno affollato il lungomare della città dello stretto, per una kermesse che ha coinvolto trentuno federazioni, sei enti di promozione e due associazioni benemerite. 

L'evento con il quale tutte le espressioni della società calabrese hanno ricordato Oreste Granillo, si è svolto alla Scuola regionale dello Sport, che sorge al rione Gallina, con la partecipazione della presidente nazionale dell'istituto Rossana Ciuffetti e del  segretario generale del CONI Roberto Fabbricini, affiancato dal presidente del comitato calabro Maurizio Condipodero e dal responsabile della scuola Demetrio Albino. 

Tutte le autorità intervenute hanno esaltato la grande lezione di sport  lasciata da Granillo (in apertura di cerimonia l'aula magna dell'istituto è stata intitolata proprio a lui) , il quale ha attraversato da protagonista almeno cinquanta anni di storia.

Il presidente del Panathlon Club di Reggio, Tonino Raffa, ha ricordato la straordinaria poliedricità del personaggio . 

"Forse è più facile -ha osservato- chiedersi cosa non ha fatto Oreste Granillo, visto che ha ricoperto alla grande una infinità di ruoli: avvocato, giornalista, imprenditore nel settore della distribuzione, presidente della Reggina Calcio dal 1960 al 1977, presidente regionale del CONI per 25 anni, consigliere della Federcalcio e della lega professionisti di Milano, grande amico di Giulio Onesti e di Artemio Franchi, assessore comunale allo sport e, infine, sindaco di Reggio Calabria dall'80 all'82".  

Raffa ha anche ricordato che, all'indomani della scomparsa, con decisione unanime, la giunta municipale, su proposta dell'assessore allo sport Mimmo Praticò,  decise di intitolare a Granillo lo stadio comunale di via Galilei.

Infine, nel consegnare alla figlia, Maristella Granillo, la targa premio del Panathlon, ha rammentato che il papà, non fu solo socio fondatore del Panathlon reggino, ma presiedette  anche l'assemblea costitutiva del club nell'aprile del 1970. 

Alla giornata nazionale dello sport, svoltasi sull'affollatissimo  lungomare,  il Panathlon ha aderito  esponendo le proprie bandiere all'interno di alcuni stand e divulgando tra i partecipanti, a cura del Governatore dell'Area 8 Antonio Laganà,  La carta dei doveri del genitore.

Tante gare all'aperto nelle diverse discipline (basket, calcio, pallavolo, danza, tennis, baseball) e parecchie iniziative collaterali, come l'esibizione, entusiasmante,  della fanfara dei bersaglieri che ha aperto il programma.

 

23 giugno Hotel Granduca"Lo spirito dell’etica e del fair play con le squadre giovanili del basket"  sarà il tema della conviviale organizzata dal Panathlon Club Grosseto alla quale parteciperanno in qualità di relatori i  Presidenti delle squadre di basket della città di Grosseto. 

Ospite d’eccezione per parlare di fair play nel mondo della pallacanestro nazionale ed internazionale, sarà l'allenatore della FIAT Auxilium Torino, il grossetano Coach Luca Banchi

facebook

Una noche para el mejor recuerdo: entrega de los premios Fair Play del Panathlon 

La cita fue en el Museo del Fútbol, emblemático lugar que aportó solemnidad a un evento especial. Con auditorio lleno y la presencia de autoridades del deporte, el Sub Director de la Secretaría Nacional del Deporte, Alfredo Etchandy, el Presidente del Comité Olímpico Uruguayo, Julio César Maglione, los Presidentes del Distrito Uruguay del Panathlon, Ricardo Pérez y del Panathlon Club Montevideo, Walter Cibils, más representantes de federaciones deportivas y público en general, se procedió a premiar a los ganadores de las diferentes categorías.

En la Categoría “Deportes Federados” fue premiada la Selección Mayor de Hockey Femenino de la Federación Uruguaya de Hockey sobre Césped, de crecimiento exponencial en los últimos años. Esta selección, que obtuviera el campeonato Sudamericano en la finalizada temporada, tuvo un gran desempeño en todos los órdenes, destacándose no solo en lo deportivo sino también por su respeto al contrincante, al árbitro y a las reglas, caracterizándose por poner en primer lugar el gusto de competir limpiamente y disfrutar el deporte por encima de la ambición de victoria.

En la categoría “Deporte Universitario”, recibió la distinción el Club Peñarol Universitario, que en el devenir de la temporada 2016 en la Liga Universitaria, caracterizó sus partidos de locatario, por la implementación de un tercer tiempo (compartiendo un brindis con el rival luego del partido), marcando así un magnífico ejemplo de confraternización deportiva y constituyendo luego, parte de la campaña que la Liga Universitaria realizara en pos de erradicar la violencia de las competencias deportivas. 

El punto emotivo de la noche fue la entrega del premio en la Categoría “Asociaciones deportivas con capacidades diferentes”, recibido por la selección uruguaya en modalidad de fútbol unificado de Olimpíadas Especiales Uruguay. En el marco de la Copa América de Olimpíadas Especiales, en la que participaran delegaciones de 10 países de América Latina más las delegaciones invitadas de México y Cuba,  los jóvenes de la selección cubana de fútbol carecían de zapatos deportivos acordes a las reglas de protocolo de la CONMEBOL. En tales circunstancias los chicos uruguayos terminaban sus partidos e inmediatamente prestaban a sus iguales cubanos sus zapatos personales, permitiendo así que los mismos pudieran participar en condiciones reglamentarias. 

Luego de los prolongados aplausos de la concurrencia, el evento finalizó con un brindis, una foto grupal de los premiados con las celestes imágenes de Diego Forlán, Maracaná y Luis Suárez de fondo en el Museo del Fútbol y con la entrega a los presentes de un Manifiesto sobre el Fair Play, cuya conclusión es “Sin Fair Play, el deporte no es deporte”. 

 

Sabato 17 Giugno 2017 dalle 8,30 alle 16,30, presso l'Università degli Studi di Milano, si è concluso il Convegno intitolato “21st Century Strategies to Tackle Early School Leaving”, organizzato nell’ambito di un progetto Erasmus plus e realizzato dall'Istituto di Istruzione Superiore “P. Sraffa” - Crema, coordinatore del progetto europeo Erasmus+ Partenariato Strategico Slow down, Move your body, Improve your diet, Learn for life, and Enjoy school time (S.M.I.L.E.) e fra i partner c’è anche  l’università di Milano. L’area 02 del PI ha collaborato e supportato questo progetto. 

Alla conferenza sono intervenuti, tra gli altri, il presidente di Panathlon International, Dott. Pierre Zappelli, l'Ispettrice Gisella Langè e la Dott.ssa Letizia Cinganotto del MIUR, quali Referenti Ministeriali per la metodologia CLIL, il Dott. Bart Verswijvel e le Dott.sse Arjana Blazic e Kornelia Lohynova, esperti che da anni collaborano con piattaforme europee di formazione professionale per docenti con studi e ricerche sull’impatto delle nuove tecnologie in ambito educativo, la Dott.ssa Paola Martini dell’USR Lombardia quale referente istituzionale eTwinning, rappresentanti di Europe Direct Lombardia, nonché docenti dell'Istituto “P. Sraffa” e degli altri istituti partner europei che presenteranno la loro esperienza.

conclusione convegno

 

 

Nell’ambito delle attività di promozione dei valori dello sport da quest’anno, in occasione delle “Giornate dello Sport” promosse da Regione del Veneto, Coni Veneto e Ufficio Scolastico Regionale, il Panathlon Club Venezia ha deciso di bandire il "1° Concorso letterario Panathlon Club Venezia"  riservato alle scuole del Comune di Venezia e di Cavallino Treporti.

leggi la notizia

Sottoscritta la Carta dei Doveri del genitore nello sport con la Società Sportiva Lazio.

Presso il Circolo Magistrati Corte dei Conti si è svolta la conviviale del Panathlon  Club Roma  con ospite Antonio Buccioni Presidente della Società Sportiva Lazio, la più grande e anziana Polisportiva d’Europa.

Per suggellare l’incontro è stata sottoscritta tra la Società Sportiva Lazio ed il Club di Roma la Carta del Pantahlon sui “Doveri del genitore nello sport” per la diffusione  a tutti i tesserati/associati di ogni disciplina della Polisportiva.

clicca qui

 

Gemellaggio fra i Panathlon Club di Ozieri e Trapani 

Gemellaggio bis per il Panathlon Club Ozieri che, dopo quello con il Club di Napoli, si è gemellato il 19/05 u.s. col Club di Trapani.

Nel loro primo giorno di permanenza in Sardegna i panathleti trapanesi sono stati accompagnati da quelli ozieresi in un tour turistico-archeologico nel corso del quale hanno potuto visitare la Reggia Nuragica di Santu Antine di Torralba e quindi la splendida  Basilica romanica  di N.S. del Regno di Ardara, prima di sostare, per un succulento buffet a base di prdotti locali, nella tenuta di Tola, ospiti del panathleta Peppino Manca e della sua Signora.

l pomeriggio visita alla Basilica di S.Antioco di Bisarcio ed al Museo Archeologico Le Clarisse di Ozieri, prima di arrivare al top dell'evento, la solenne sottoscrizione della pergamena di gemellaggio, suggellata dalle firme   dei presidenti Meledina e Brunamonti, degli addetti al gemellaggio Bruccoleri e Beneduce e dei governatori Petretto e Guglielmino, rappresentato dallo stesso Brunamonti nella circostanza.  Grande l'empatia e la condivisione dei valori ed ideali panathletici fra i soci   dei clubs delle due isole maggiori d'Italia, che (prima volta in assoluto) hanno fortemente voluto unirsi in gemellaggio. A dare contenuti alla serata,come raccomandato dalle Linee Guida per i Gemellaggi, il brillante intervento di Elena Avellone, responsabile per il centro-sud del Distretto Italia sulla tematica "Donna e Sport", mentre per agevolare una migliore conoscenza di Ozieri e del suo territorio è stato proiettato in anteprima il video "Benennidos a Otieri". Una giornata ad Alghero, trascorsa  in compagnia del presidente Musu e del tesoriere Burruni, ha preceduto i saluti e naturalmente i propositi di approfondire e cementare le amicizie nate nell'occasione.

Grande successo per la terza edizione del Gran Galà della Vela, svoltasi al palazzo della Provincia di Reggio Calabria, con il patrocinio del CONI, del Consiglio Regionale, del Panathlon Club della città dello stretto e dell'Area 8 del Panathlon International. 

La manifestazione, che ha avuto come moderatore il giornalista Giampaolo Latella, si è aperta con la proiezione di  un filmato da brividi sulla trentaduesima Mediterranean Cup, la maxi - regata che ha toccato anche stavolta le coste calabresi, consentendo agli equipaggi in gara di riscoprire bellezze naturali spesso dimenticate. 

Nel suo intervento introduttivo,  il consigliere nazionale della FIV Fabio Colella, ha  ribadito il convincimento secondo cui la vela non è solo una disciplina piena di fascino, ma può rappresentare anche un veicolo promozionale per incrementare flussi turistico-culturali, mobilitare risorse  e imprimere una sterzata alla debole economia del Mezzogiorno. 

Il Gran Galà ha centrato l'obiettivo di guardare con attenzione non solo al mondo dell'attività agonistica, ma anche a quelle realtà che si battono quotidianamente per tenere alta la bandiera dei valori etici, civili e culturali. Valori, del resto,  sposati in pieno dal Panathlon. 

Anche la "filosofia" delle premiazioni ha abbracciato il ventaglio delle tematiche al centro del dibattito, con riconoscimenti a personalità  che si sono distinte nella storia dello sport, della nautica, delle istituzioni, dell'arte, della cultura e delle attività di integrazione sociale: 

Le scelte sono cadute : sull'ammiraglio Giovanni Iannucci (già comandante dell'Amerigo Vespucci, del "Corsaro II" e protagonista di tante regate oceaniche in rappresentanza della marineria italiana), sull'ammiraglio Giancarlo Olimbo (vicepresidente dell'associazione europea per la nautica da diporto nel mediterraneo, giàalla guida di missioni antipirateria nel golfo di Aden e nel Corno d'Africa), sulla presidente dell'Accademia del tempo libero Silvana Velonà, sugli attori Gigi Miseferi e Giacomo Battaglia, coppia ormai celebre del palcoscenico nazionale). I premi del Panathlon  sono stati consegnati dal Tonino Raffa e dal Governatore dell'Area 8 Antonio Laganà. 

 

 Il presidente del Panathlon di Reggio, Tonino Raffa, consegna il premio a Valentina Colella, responsabile del comitato interregionale della Federazione Vela e coordinatrice della sezione per atleti paralimpici.

 

 

Area 02 - Seminario di Formazione Amministrativa  

Sabato 20 maggio 2017 presso la sede della Federazione Italiana Bridge, si svolgerà il Seminario di Formazione Amministrativa organizzato dall'Area 02 Lombardia

 

programma

 

Panathlon International

Fondazione D.Chiesa