Venerdì, 27 Settembre 2019 07:35

Il contributo Panathlon ai World Fair Play Awards

Il contributo Panathlon ai World Fair Play Awards

 

C’era molto Panathlon nella giornata che ha visto la consegna dei World Fair Play Awards nell’aula consigliare del municipio di Pest. La capitale magiara ha accolto gli ospiti del Comité International pour le Fair Play (CIFP) con un programma denso di momenti significativi. 

Mattinata dedicata a un convegno nell’auditorium dell’Università di Educazione Fisica promosso da European Fair Play Movement (EFPM) che ha voluto così celebrare i suoi 25 anni di vita. Fra gli interventi più significativi, quello di Zsigmond Nagy che ha illustrato le prospettive generate dalle relazioni fra Fair Play, Morale e Legislazione sportiva.

La cerimonia di consegna dei premi – vedi l’elenco completo riportato – ha avuto fra i protagonisti molti dei nomi segnalati dal Panathlon International in quanto membro del CIFP.

Fabio Caramel ha ritirato dalle mani del Presidente Jeno Kamuti il Trofeo Pierre de Coubertin per il Gesto La proposta era venuta dal Panathlon Club Venezia. 

David Smetanine, Trofeo alla Carriera, era assente perché impegnato in competizioni paralimpiche. Per lui ha ritirato il premio Marie Claire Nepi segretaria del Club di Grenoble che lo aveva segnalato. Il club francese ha visto riconosciuta anche la sua segnalazione per Geo Perli, a cui è andato il Diploma d’Onore per la Carriera nello spirito del fair-play.

Un Diploma d’Onore per la Carriera lo ha ricevuto anche Roberto Camelia, proposto dall’Area 9 – Sicilia, accompagnato da panathleti siciliani di Siracusa che gli hanno fatto gran festa.

Federico Bollati e Rodolfo Carrera, entrambi candidati dal Club di Pavia, hanno ricevuto il Diploma d’Onore per il Gesto dalle mani del vice-presidente CIFP Maurizio Monego.

Per la Promozione ha ricevuto un Diploma d’Onore il CEO della Lega di Pallavolo di serie A, Massimo Righi che era stato proposto dal Club Bononia.

La soddisfazione per il bottino del Panathlon si leggeva nell’azzurro degli occhi di Simona Callo, Segretario Generale del P.I. in rappresentanza del Presidente Pierre Zappelli. È stata una bella festa e la sfilata di tanti campioni che con i loro valori testimoniano l’umanità dello sport, ha gratificato i sentimenti che ogni buon sportivo coltiva.

    

   

 

 

 

 

Published in Ultime notizie
Giovedì, 19 Settembre 2019 10:45

Il contributo Panathlon ai World Fair Play Awards

Il contributo Panathlon ai World Fair Play Awards

 

C’era molto Panathlon nella giornata che ha visto la consegna dei World Fair Play Awards nell’aula consigliare del municipio di Pest. La capitale magiara ha accolto gli ospiti del Comité International pour le Fair Play (CIFP) con un programma denso di momenti significativi. 

Mattinata dedicata a un convegno nell’auditorium dell’Università di Educazione Fisica promosso da European Fair Play Movement (EFPM) che ha voluto così celebrare i suoi 25 anni di vita. Fra gli interventi più significativi, quello di Zsigmond Nagy che ha illustrato le prospettive generate dalle relazioni fra Fair Play, Morale e Legislazione sportiva.

La cerimonia di consegna dei premi – vedi l’elenco completo riportato – ha avuto fra i protagonisti molti dei nomi segnalati dal Panathlon International in quanto membro del CIFP.

Fabio Caramel ha ritirato dalle mani del Presidente Jeno Kamuti il Trofeo Pierre de Coubertin per il Gesto La proposta era venuta dal Panathlon Club Venezia. 

David Smetanine, Trofeo alla Carriera, era assente perché impegnato in competizioni paralimpiche. Per lui ha ritirato il premio Marie Claire Nepi segretaria del Club di Grenoble che lo aveva segnalato. Il club francese ha visto riconosciuta anche la sua segnalazione per Geo Perli, a cui è andato il Diploma d’Onore per la Carriera nello spirito del fair-play.

Un Diploma d’Onore per la Carriera lo ha ricevuto anche Roberto Camelia, proposto dall’Area 9 – Sicilia, accompagnato da panathleti siciliani di Siracusa che gli hanno fatto gran festa.

Federico Bollati e Rodolfo Carrera, entrambi candidati dal Club di Pavia, hanno ricevuto il Diploma d’Onore per il Gesto dalle mani del vice-presidente CIFP Maurizio Monego.

Per la Promozione ha ricevuto un Diploma d’Onore il CEO della Lega di Pallavolo di serie A, Massimo Righi che era stato proposto dal Club Bononia.

La soddisfazione per il bottino del Panathlon si leggeva nell’azzurro degli occhi di Simona Callo, Segretario Generale del P.I. in rappresentanza del Presidente Pierre Zappelli. È stata una bella festa e la sfilata di tanti campioni che con i loro valori testimoniano l’umanità dello sport, ha gratificato i sentimenti che ogni buon sportivo coltiva.

    

   

 

 

 

 

Panathlon International

Fondazione D.Chiesa